La Luna

La Luna

La Luna compie un'orbita ellittica, perturbata da forze gravitazionali, completa della sfera celeste ogni 27 giorni, 7 ore, 43 minuti e 11 secondi (mese siderale) ma l'osservatore sulla Terra conta circa 29,5 giorni tra una nuova luna e la successiva, per via del contemporaneo movimento di rivoluzione terrestre.

Nel corso di un'ora si muove nel cielo di una distanza prossima alla sua dimensione apparente, circa mezzo grado. La Luna rimane sempre in una regione del cielo chiamata lo Zodiaco, che si estende circa 8 gradi sopra e sotto l'eclittica. Essa viene attraversata dalla Luna ogni 2 settimane.

Il moto di rotazione della Luna è il movimento che compie intorno all'asse lunare nello stesso senso della rotazione terrestre, da Ovest verso Est con una velocità angolare di 13° al giorno. La durata è quindi uguale a quella del moto di rivoluzione pari a 27 giorni 7 ore 43 minuti 12 secondi. Questo è il motivo per cui la Luna rivolge alla Terra sempre la stessa faccia.

L'attrazione che la Terra esercita sul rigonfiamento equatoriale più che sulle zone polari sulla Luna provoca in essa delle oscillazioni di lieve entità, le librazioni, che insieme alle librazioni apparenti, connesse alle posizioni che la Luna assume rispetto alla Terra, ci consentono di vedere un po' più della metà della superficie lunare

 

Fasi Lunari

 

Le origini della Luna sono al centro di un dibattito scientifico molto acceso. La teoria più accreditata è quella secondo la quale essa si sia formata a seguito della collisione di un planetoide delle dimensioni simili a quelle di Marte con la Terra quando quest'ultima era ancora calda, nella prima fase della sua formazione (tale planetoide è chiamato a volte Theia).

Il materiale scaturito dall'impatto rimase in orbita intorno alla Terra e per effetto della forza gravitazionale si riunì formando la Luna. Detta comunemente la Teoria dell'Impatto Gigante, è supportata da simulazioni pubblicate nell'agosto 2001.

Una conferma di questa tesi deriva dal fatto che la composizione della Luna è pressoché identica a quella del mantello terrestre privato degli elementi più leggeri, evaporati per la mancanza di un'atmosfera e della forza gravitazionale necessarie per trattenerli. Inoltre, l'inclinazione dell'orbita della Luna rende piuttosto improbabili le teorie secondo cui la Luna si formò insieme alla Terra o fu catturata in seguito.

Uno studio recente (maggio 2011) condotto dalla NASA porta elementi che tendono a smentire questa ipotesi. Lo studio, eseguito su campioni vulcanici lunari, ha permesso di misurare nel magma lunare una concentrazione d'acqua 100 volte superiori a quelle precedentemente stimate. Secondo la teoria dell'impatto l'acqua dovrebbe essersi dissolta quasi completamente durante l'impatto, mentre dai dati qui ricavati la quantità d'acqua stimata è simile a quella presente nella crosta terrestre.

Un altro studio della NASA  indica che la faccia oscura potrebbe essere stata generata da un impatto a bassa velocità tra la Luna e una seconda luna della Terra, questo spiegherebbe la diversità tra le due facce della Luna.

 

Selene Endimione

Selene and Endymion Jerome Martin Langlois

 

Dalla titanessa della luce, Teia  "colei che splende fin lontano” e dal fratello Iperione, identificato con la luminosità del cielo nacquero: Elios, il grande Sole, Selene, la splendida Luna, ed Eos, la luce dell'Aurora.

La dea viene generalmente descritta come una bella donna con il viso pallido, che indossa lunghe vesti fluide bianche od argentate e che reca sulla testa una luna crescente ed in mano una torcia.

 

Da lei, dal suo immortale capo, un diffuso chiarore
si spande sulla Terra e una sovrumana bellezza appare
sotto la sua luce: l'aria buia si fa luminosa
di fronte alla sua corona dorata, e i raggi splendono
quando dall'Oceano, lavate le belle membra,
indossata la veste lucente, la divina Selene,
aggiogati i bianchi puledri dal collo robusto,
lancia in avanti il cocchio splendente
e appare, dopo il tramonto, al culmine del mese.*

 

Luna al suo culmine, regina della notte, collegata alla natura ed al culto dei morti, Selene era anche la dea della fecondità. Per i greci la dea Selene, sorella di Elios e di Eos, guidava il carro lunare.

Selene è la personificazione della luna piena, la maturità della donna, mentre Artemide indica la luna crescente, la giovinezza e l'audacia dell'adolescenza, mentre Ecate è identificata con la luna calante, la vecchiaia e la morte.

 

Selene Endimione Watts

George Frederick Watts Selene e Endimione

 

Artemide è figlia di Zeus e Leto (per i Romani Latona) e sorella gemella di Apollo. Fu una tra le più venerate divinità dell'Olimpo e la sua origine risale ai tempi più antichi. In epoca romana fu associata a Diana, mentre gli Etruschi la veneravano con il nome di Artume. Il cervo e il cipresso erano fra i suoi simboli sacri.

Dea della caccia, della selvaggina e dei boschi, pur esendo vergine era adorata anche come dea del parto e della fertilità perché si diceva avesse aiutato la madre a partorire il fratello Apollo.

L'esegesi psicologica del mito di Artemide descrive un archetipo femminile caratterizzato da un forte spirito d'indipendenza dall'uomo e da una forte solidarietà col mondo delle altre donne.

 

Artemis Seignac

Artemide/Diana

 

Ecate è una dea della religione greca e romana, di origine pre-indoeuropea.

Divinità psicopompa, ossia portatrice di anime, è in grado di viaggiare liberamente tra il mondo degli uomini, quello degli Dei ed il regno dei Morti.

Spesso è raffigurata con delle torce in mano, proprio per questa sua capacità di accompagnare anche i vivi nel regno dei morti (la Sibilla Cumana, a lei consacrata, traeva da Ecate la capacità di dare responsi provenienti, appunto, dagli spiriti o dagli Dei).

Dea degli incantesimi e degli spettri, Ecate è raffigurata come triplice (giovane, adulta/madre e vecchia), ed il numero Tre la rappresenta; le sue statue venivano poste negli incroci (trivi), a protezione dei viandanti (Ecate Enodia o Ecate Trioditis).

Fu Ecate a sentire le grida disperate di Persefone, rapita da Ade e portata negli Inferi, e fu sempre lei ad avvertire Demetra di quanto era accaduto.

Ecate veniva anche associata in alcuni casi ai cicli lunari, insieme ad altre divinità come Diana/Artemide, e Selene/Luna, a simboleggiare la luna calante.

Nell'iconografia Ecate viene rappresentata spesso con tre corpi o con sembianze di cane o, accompagnata da cani infernali ululanti in quanto veniva considerata protettrice dei cani. 

La natura di Ecate è bi-sessuata, in quanto possiede in sé entrambi i principi della generazione, il maschile e il femminile. Per questo motivo viene definita la fonte della vita e le viene attribuito il potere vitale su tutti gli elementi.

 

Ecate

Ecate di William Blake

 

LUNA

luna

L'Io Ricettivo
 

Giro dello Zodiaco 27 giorni
Simbologia Inconscio, Es, Anima, Psiche, memoria, illusione
Anatomia e fisiologia Seno, liquidi corporei, sistema linfatico, latte
Ruolo familiare e sociale Madre, moglie, donna ideale
Domicilio Cancro
Esilio Capricorno
Esaltazione Pesci
Caduta Vergine
Archetipo Angelo Custode
Lato oscuro Pigrizia, passività, instabilità

 

Se il Sole è il nucleo della personalità, ciò che illumina e irradia con la sua energia la nostra vita e il nostro mondo, la Luna rappresenta la nostra psiche, la parte animica, sensibile, sensitiva, ricettiva.

È il filtro attraverso cui percepiamo il mondo, è il nostro modo di sentire, di vivere le emozioni, di elaborare l'esperienza passata, di immaginare la vita futura. È la memoria, il sogno, l'illusione. Rappresenta anche il grembo materno, il rapporto con la madre e l'ambiente familiare in cui siamo nati e cresciuti, l'infanzia, le radici.

Nell'oroscopo Vedico Siderale è a partire dalla posizione della Luna che si decide la nostra appartenenza ad un segno.

Se la mia Luna è in Toro allora io sarò del segno del Toro. Inoltre bisogna ricordare che l'Astrologia Vedica è Siderale, ossia tiene conto del fenomeno della precessione degli equinozi e quindi considera la reale posizione del Sole nelle Costellazioni.

Per sapere dove si trovano i miei pianeti dovrò spostarmi di circa 24 gradi rispetto allo zodiaco occidentale.

Nel Tema Natale indica la specifica qualità che assume il mio sentire a seconda del segno in cui si trova e degli aspetti che forma con gli altri pianeti.

 

Fonti:

wikipedia
www.ilcerchiodellaluna.it
 

I Pianeti

 



 

 

Seguici su Facebook

Zircon - This is a contributing Drupal Theme
Design by WeebPal.